BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CASO RUBY/ Cosa è il rito immediato, il Gip ha detto sì per Berlusconi

Foto Ansa Foto Ansa

Se la riunione risulta indispensabile, prevale in ogni caso il rito ordinario". Il comma 3 dell'articolo 453 dispone che lo stesso imputato possa chiedere, se lo ritiene opportuno, il giudizio immediato. Nel caso di Berlusconi, il reato più grave è quello di concussione il che permette di "trascinare" il reato di prostituzione minorile nello stesso caso.

Ecco quanto è stato comunicar oggi in merito alla richiesta di rito immediato per Silvio Berlusconi: In data odierna l giudice per le indagini preliminari Cristina Di Censo, ha depositato il decreto con cui si dispone ai sensi degli articoli 453 e seguenti del codice di procedura penale, giudizio immediato a carico dell'onorevole Silvio Berlusconi". A cui la Procura di Milano contesta di aver abusato della qualità di presidente del Consiglio per indurre i funzionari della Questura di Milano, la notte del 27 e 28 maggio dell'anno scorso, ad affidare Ruby alla consigliera regionale Nicole Minetti e di avere avuto rapporti sessuali con la giovane marocchina ad Arcore.

Il Gip individua le parti lese nella stessa Ruby, al secolo Karima El Mahroug, marocchina, e nel ministero dell'Interno. Ruby è persona offesa nel procedimento in relazione al reato di prostituzione minorile contestato a Berlusconi: il premier avrebbe commesso atti sessuali con la giovane in cambio di denaro o altre utilità dal febbraio al maggio dello scorso anno, quando la ragazza non aveva ancora 18 anni. Il ministero dell'Interno, invece, è parte offesa in relazione al reato di concussione ipotizzato in relazione alla telefonata che Berlusconi fece nella notte tra il 27 e il 28 maggio scorso in Questura a Milano per ottenere il "rilascio" di Ruby, portata negli uffici della polizia in seguito alla denuncia di un furto.

© Riproduzione Riservata.