BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

GIUSEPPE MENARDI/ Il Senatore lascia Fli. Senza nuove entrate, il partito a Palazzo Madama si scioglie

Giuseppe Menardi - Foto Ansa Giuseppe Menardi - Foto Ansa

«Per me il percorso si è concluso con il nuovo organigramma del partito. Torno nei confini della maggioranza parlamentare. Credo che dovremo trovare qualche collega per dare spazio ad un'anima critica nel centrodestra, in modo che sia la terza gamba della maggioranza», ha aggiunto il senatore. «Per quanto mi riguarda – ha concluso - non c'è più il gruppo, ne sono uscito. Non c'è bisogno di scriverlo a Viespoli (capogruppo di Fli al Senato ndr.) perché gliel'ho già annunciato di persona».

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
16/02/2011 - Risalire (luisella martin)

Mi compiaccio per una decisione che dimostra l'alta levatura culturale, morale e politica del senatore.Spero che da ora in poi,nel PDL sia possibile esprimere le proprie idee, anche se critiche, ed essere ascoltati nei fatti che,nel Parlamento, sono le proposte di legge. L'onorevole Fini ha voluto farci credere che Berlusconi non ascoltava le sue proposte,ma noi abbiamo visto in TV con quanta acredine, con quanto sussiego,parlava del suo cofondatore di partito, irridendolo sempre. Mi auguro che altri,dopo il senatore Menardi,lascino il FLI.