BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

CASO RUBY/ In un deposito segreto 24 oggetti preziosi: un dono di Berlusconi?

Foto AnsaFoto Ansa

L’UDIENZA DEL 6 APRILE - Berlusconi, 74 anni, il 6 aprile dovrà comparire di fronte al tribunale di Milano per rispondere dell’accusa di rapporti sessuali con prostituta minorenne e concussione. Un reato, quest’ultimo, che sarebbe stato commesso in quanto il premier avrebbe chiesto di rilasciare Ruby dalla custodia in Questura dopo che quest’ultima era stata fermata con l’accusa di furto nel maggio scorso. Berlusconi dovrà nel frattempo affrontare la ripresa di altri quattro processi, con accuse di diffamazione, corruzione, compravendita di diritti tv e concussione per il caso Annozero. Karima El-Mahroug sarebbe stata presentata a Silvio Berlusconi quando aveva ancora 17 anni da uno degli amici più intimi del presidente del Consiglio, il conduttore televisivo del Tg4 Emilio Fede.


I 15 INCONTRI CON RUBY - Il Cavaliere avrebbe chiesto alla ragazza di partecipare una cena privata ad Arcore. E i pubblici ministeri sostengono che il premier avrebbe incontrato Ruby in 15 occasioni, mentre i due si sarebbero 67 tra telefonate e sms. La giovane ha negato di avere mai avuto rapporti sessuali con Berlusconi, ma ha ammesso che il leader del centrodestra le avrebbe fatto diversi regali, tra cui anche una somma in contanti, perché si sentiva dispiaciuto per le sue difficoltà economiche. Berlusconi a sua volta ha sempre affermato di non avere mai pagato la ragazza per fare sesso con lei.


(Pietro Vernizzi)

 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
21/02/2011 - invidia (luisella martin)

Queste notizie che partono dal tribunale di Milano, sembrano fatte apposta perché io e quelle come me (bruttine, vecchiotte, poverine e anonime) scatenino il finimondo. Davanti ad un enorme specchio,interroghiamo il fato e gli chiediamo:"Specchio delle mie brame, chi é la più bella del Reame?" Da mesi lo specchio risponde Ruby! Non se ne può più! E non cambia nulla andando in piazza! Non ci rimane altro che dichiarare guerra alle nostre figlie...