BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ Folli: ancora tre ostacoli tengono in ansia Berlusconi e Bossi

Umberto BossiUmberto Bossi

A metà aprile scadranno i tempi tecnici per sciogliere il Parlamento. Dato che, fino ad ora, Berlusconi ha indicato se stesso come l’unica alternativa possibile alle elezioni anticipate, cosa succederà quando questa possibilità verrà meno sul piano tecnico? Non è da escludere che alcune delle possibili leadership alternative a Berlusconi non decidano di giocare la propria partita, dando inizio a scenari del tutto inediti.

Al di là dei diversi possibili scenari, quanto potrà incidere il deterioramento dei rapporti tra il premier e il Quirinale?

È evidente che al momento il Presidente del Consiglio non ha alcun interesse a alimentare la tensione con il Presidente della Repubblica. Berlusconi e Bossi, avendo rinunciando al voto, devono infatti cercare di far passare i prossimi decreti, evitando nuovi intoppi. D’altro canto, però, il premier continua a mostrare disinteresse nei riguardo dei consigli che il Quirinale gli invia, affinché abbassi i toni. Anche il videomessaggio di ieri lo conferma. Ecco perché, in prospettiva, non c’è da essere molto ottimisti: una volta passati i decreti attuativi e col riaffacciarsi del processo breve, non escluderei una nuova fase di gravi tensioni tra Presidente del Consiglio e Quirinale.

© Riproduzione Riservata.