BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BENI CULTURALI/ Il presidente Carandini si dimette dal Consiglio superiore: “Troppi tagli”

Pubblicazione:lunedì 14 marzo 2011

Andrea Carandini Andrea Carandini

SI DIMETTE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SUPERIORE DEI BENI CULTURALI - Il presidente del Consiglio superiore dei beni culturali, Andrea Carandini, ha rassegnato le dimissioni irrevocabili a causa dei tagli imposti dal governo al ministero dei Beni culturali.

 

Troppi tagli. Impossibile gestire la situazione a queste condizioni. E così, Andrea Carandini, presidente del Consiglio superiore dei beni culturali, ha rassegnato le dimissioni, Irrevocabili. Lo ha riferito il ministero dei Beni culturali, spiegando che sono state motivate con la «constatazione dell'impossibilità del ministero di svolgere quell'opera di tutela e sviluppo del patrimonio culturale stante la progressiva e massiccia diminuzione degli stanziamenti di bilancio». Il Consiglio superiore ha preso atto della decisione «condividendo le considerazioni del presidente Carandini» e «ha sospeso la seduta in attesa che il ministro Bondi compia un atto politico responsabile che garantisca il positivo interessamento del Parlamento e del governo riguardo la drammatica situazione i cui versano i Beni culturali». Era stato il ministro Bondi a nominarlo il 25 febbraio 2009 al posto del dimissionario Salvatore Settis. Carandini è professore ordinario di archeologia presso l'Università di Roma “'La Sapienza”, nonché uno dei più autorevoli studiosi a livello internazionale. «Spero – ha dichiarato Francesco Rutelli - che il governo ascolti la voce di Andrea Carandini perché la tutela del patrimonio non perda l'apporto del meglio della cultura nazionale. Qualcun altro, Bondi, avrebbe dovuto dimettersi per evitare che si dimettesse Carandini».

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUAREA A LEGGERE L’ARTICOLO


  PAG. SUCC. >