BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

DIRETTA/ Senato: Libia, la discussione in Aula

Diretta Senato: la discussione sulla crisi libica. Le perplessità della Lega Nord si sono estese a tutta la maggioranza, decisa a ridimensionare il primato francese

La discussione al  Senato sulla crisi libica (Ansa)La discussione al Senato sulla crisi libica (Ansa)

Fra pochi minuti al Senato (ore 17) avrà luogo la discussione sulla Libia. 
La maggioranza, dopo le perplessità leghiste della prima ora, sta puntando sul coinvolgimento della Nato e sul ridimensionamento del primato francese.
La risoluzione Onu non lasciava infatti molte alternative e l'iniziativa di Sarkozy aveva preso in contropiede il governo italiano. Il rischio di un'immigrazione incontrollata e tutta a carico dell'Italia, l'insofferenza della Lega e le perplessità crescenti su un'operazione che sta andando al di là degli obiettivi dichiarati inizialmente sono state le cause principali di questa correzione di rotta.
Il centrodestra, a quando filtra, avrebbe raggiunto in mattinata un accordo per una risoluzione che impegnerebbe tra l'altro il governo a impedire lo sbarco di immigrati dal Nordafrica. Parola di Bricolo (Lega Nord). La risoluzione chiede che il comando delle operazioni militari in Libia passi sotto il comando Nato e invita l'Europa a farsi carico dei flussi migratori che attraverso l'Italia coinvolgeranno tutta l'Europa.
Non solo, l'Italia dovrà tutelare i propri interessi economici in Libia e si impegna ad "assumere ogni iniziativa utile affinché le imprese europee impossibilitate ad onorare i contratti in essere in ragione delle sanzioni Onu e Ue trovino una tutela negli articoli 10 e 12 del Regolamento Ue 204/2011, che rispettivamente prevedono le modalità per assicurare i pagamenti dovuti alle imprese europee in base a contratti precedenti l'entrata in vigore delle sanzioni e la preclusione di eventuali azioni legali per inadempimento contrattuale".
Alla discussione in Aula non parteciperà però il premier, richiesto a gran voce dall'opposizione. Riferiranno invece i ministri competenti.

© Riproduzione Riservata.