BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MANOVRE/ Così il Pd si incarta sul "papa straniero"

Pubblicazione:

Romano Prodi (Imagoeconomica)  Romano Prodi (Imagoeconomica)


Difficile dirlo. La sinistra è decisamente orientata verso il “papa straniero”, ma l’opzione Prodi non mi convince del tutto. Detto questo, il Professore è troppo intelligente per una “falsa partenza” sul Quirinale. Ricorderebbe Fanfani e tutti quelli che si candidarono al Quirinale partendo in largo anticipo per poi restare a bocca asciutta. Starei però molto attento alle parole di De Benedetti: se ha indicato Monti un motivo ci sarà… C’è infine, a mio modo di vedere, un’ultima occasione persa, che pagheremo tutti.

Quale?

Il Pd ha affossato tempo fa la proposta bipartisan Chiaromonte (Pd) - Compagna (Pdl). Un’idea sensata che andava al di là del ripristino sic et simpliciter dell’immunità parlamentare. Bisognerebbe infatti ricordare a tutti quelli che insorgono dicendo che “la legge è uguale per tutti” e che “la Costituzione non si tocca”, che fu lo stesso Costituente a promuovere l’immunità come forma di equilibrio tra poteri. Oggi, per colpa del “caso Tedesco”, l’opposizione non può più tornare indietro e la maggioranza, dopo aver inseguito le leggi ad personam e averci regalato il Parlamento dei nominati, ha le sue gravi colpe. Se si fosse fatto però questo atto di coraggio oggi forse ci sarebbe il clima adatto per ipotizzare un salvacondotto per Berlusconi che ci permetterebbe davvero di chiudere una fase politica senza morti e feriti. Purtroppo è prevalsa la logica del pollice verso e il premier a questo punto ha solo due ipotesi davanti a sé: o rimane asserragliato all’interno del Palazzo o gli si aprono le porte dell’inferno…



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.