BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Belpietro (Libero): ecco perché a Berlusconi serve un nuovo "alleato"

Berlusconi e Alfano (Imagoeconomica) Berlusconi e Alfano (Imagoeconomica)


È un sintomo dello stesso disagio di cui stiamo parlando, anche se non penso proprio che l’ipotesi di un passo indietro di Silvio Berlusconi sia credibile. Il Cavaliere non è uno che fugge davanti alle difficoltà e comunque il problema è un altro: bisogna gestire una fase di cambiamento, immaginandosi già cosa avverrà dopo.  

La soluzione dei problemi del Pdl, secondo lei, passerà anche attraverso la designazione di un coordinatore unico?

Serve sicuramente un punto di riferimento chiaro. Non credo però che il punto sia questo, anche perché il coordinatore unico già c’è ed è Verdini. Bondi infatti non esercita il suo ruolo e La Russa ha altro a cui pensare. Probabilmente il dirigente toscano non è amatissimo, ma, anche se venisse sostituito, qualcun altro avrebbe qualcosa da ridire. 

Se questi sono i problemi a livello di partito, qual è, a suo giudizio, lo stato di salute del governo?

La maggioranza, anche se è aumentata numericamente, ha i suoi nodi da sciogliere. Servirebbe, ad esempio, un salto di qualità dei Responsabili, che per ora hanno rappresentato soltanto una “soluzione tampone”, anche se brillante, al tradimento di Fini. Questo “cambio di passo” dovrà riguardare comunque tutte le componenti del governo. Altrimenti, visto che solo un’incredibile implosione del Pdl potrebbe portarci al voto, il rischio è davvero quello di arrivare alla scadenza del mandato, ma per sfinimento.

(Carlo Melato)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
12/04/2011 - troppo presto (attilio sangiani)

penso che al PdL,a Berlusconi ed al Paese convenga portare a casa la approvazione definitiva della legge sulle DAT,sul Federalismo,sulla Giustizia e sulla riforma della parte 2^ della Costituzione. Poi pensare alla successione.Altrimenti si scatenerebbe "le deluge" ingovernabile. Sarebbe la fine traumatica della legislatura,e l'affossamento di leggi che stanno a cuore all'elettorato( specie cattolico ) che ha avuto fiducia nel PdL e nel suo leader storico.