BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

REFERENDUM NUCLEARE/ Il governo abroga le norme previste per la realizzazione degli impianti

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

Secondo il titolare dell’Economia, il piano potrebbe essere finanziato dall’emissione di titoli di Stato europei, gli Eurobond. «Credo sia il momento per un passaggio storico», ha detto. «Credo - ha continuato - sia arrivato il momento di ragionare su una versione applicata del vecchio e glorioso piano Delors e di investire in piani di investimento in ricerche alternative, anche combinandoli con la nuova struttura geopolitica del Mediterraneo».

Parlando dell’energia atomica, aveva aggiunto: «È stata fatta davvero una contabilità del nucleare? Sono stati contabilizzati i costi del decommissioning? Esiste il calcolo del rischio radioattivo? Sappiamo che i benefici ci sono e sono locali, ma i malefici sono generali». Quello sull’energia nucleare era stato uno dei primi provvedimenti varati dal quarto governo Berlusconi. Fu emanato il giugno del 2008, con un decreto legge, il n. 112, «convertito con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133», che prevedeva la «realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare».

© Riproduzione Riservata.