BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

PROCESSO MEDIASET/ Governo solleverà conflitto di poteri

Il Governo presenta istanza di conflitto di poteri sul caso del processo Mediaset. L'Avvocatura generale dello Stato presentarà conflitto di poteri davanti alla Corte costituzionale

Foto AnsaFoto Ansa

Il Governo ha dato mandato all'Avvocatura generale dello Stato di presentare conflitto di poteri davanti alla Corte costituzionale per chiedere  l'annullamento della decisione con cui i giudici di Milano del processo Mediaset non ritennero legittimo impedimento, il primo marzo del 2010, l'assenza in udienza di Silvio Berlusconi, imputato per frode fiscale, nonostante quel giorno il premier fosse impegnato a presiedere un Consiglio dei ministri.

Il primo marzo 2010 i giudici della prima sezione del Tribunale di Milano con a capo Edoardo D'Avossa non considerarono il consiglio dei ministri che si svolgeva quel giorno un legittimo impedimento tale che non potesse far venire in tribunale Silvio Berlusconi. Quello stesso giorno il consiglio dei ministri approvò il ddl sull'anticorruzione. Ci furono forti polemiche in seguito alla decisione del tribunale. Il ministro della Giustizia Alfano criticò la decisione e comunicò agli avvocati del premier che esistevano gli estremi per sollevare un conflitto davanti alla Corte costituzionale. Con l'entrata in vigore ad aprile 2010 della legge-ponte che integrava i casi di legittimo impedimento di premier e ministri. il conflitto non fu sollevato. Adesso torna l'esigenza di sollevare nuovamente il conflitto: lo scorso gennaio la Consulta ha bocciato in alcuni punti la legge sul legittimo impedimento.