BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LIBIA/ Bossi telefona a Napolitano. Salta consiglio dei ministri

Pubblicazione:mercoledì 27 aprile 2011

Foto Ansa Foto Ansa

LIBIA BOSSI TELEFONA A NAPOLITANO - L'ira di Bossi, alle parole seguono i fatti. Il leader della Lega si era infuriato ieri dopo che Silvio Berlusconi, al termine del vertice italo-francese, aveva detto che anche l'Italia si sarebbe impegnata in missioni di guerra contro la Libia. Secondo il quotidiano La Padania ieri sera Umberto Bossi avrebbe telefonato al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

La Lega non sarebbe stata informata della decisione in merito alla Libia e Bossi ha voluto dire a Napolitano qual è la posizione del suo partito in merito. Il consiglio dei ministri, secondo Bossi, non ha mai approvato alcun bombardamento della Libia. Sulla Padania questo commento: la frase di Bossi "siamo diventati una colonia francese è "la sintesi efficace fino alla brutalità che Bossi escogita per suggellare una giornata che ha visto il governo italiano, nella figura di Berlusconi, del tutto supino di fronte alle richieste del presidente francese". Il timore della Lega è che Gheddafi riempi al'Italia di clandestini.  Secondo Bossi, l'azione di Berlusconi ha anche «travolto l'ottimo lavoro in senso contrario», fatto da «Roberto Maroni e Giulio Tremonti: ha fatto far loro la figura dei cioccolatai». La situazione ha portato allo slittamento del consiglio dei ministri che si doveva tenere venerdì.


  PAG. SUCC. >