BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ 1. Calderoli: crisi col Pdl? Non vedo vie d'uscita

Bossi, Berlusconi e Tremonti (Imagoeconomica) Bossi, Berlusconi e Tremonti (Imagoeconomica)


Le ripeto ancora una volta, partito il primo raid è tutto molto più difficile. Martedì avevo fatto uscire un comunicato per far capire a tutti che le cose non si risolvono dicendo che è tutto ok. Dopodiché ci ha pensato Bossi a chiarire come le cose stessero realmente. Ora è abbastanza irritante sentir parlare di fibrillazioni interne alla Lega: se c’è un partito in cui quando parla uno (Umberto Bossi) parlano tutti è proprio il nostro.

Continua a non escludere la crisi di governo?

Se è per questo i giornalisti ne parlano da tre anni. Mi limito a dire che abbiamo fatto bingo: l’immigrazione crescerà ancora, anche perché stiamo parlando di una guerra civile in cui ogni tribù cercherà di prevalere sull’altre e una parte della popolazione cercherà sicuramente rifugio da noi. Per non parlare dell’incremento delle spese e, di conseguenza, delle tasse. Cosa si può fare di più, o di peggio?

(Carlo Melato)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
29/04/2011 - leggiamo la Costituzione (francesco scifo)

Mi sembra che alla discussione generale sulla crisi di governo sfugga un particolare: la nostra Costituzione. Ebbene mi pare che sia meglio andare alle elezioni che verso l'ipotesi di attentato alla Costituzione: perchè quella che si sta facendo è una guerra, ovvero un conflitto armato tra Stati. Nessuno può negare che la Libia, benchè non ci piaccia il suo governo, sia uno Stato. Ciò premesso, poichè la nostra Carta vieta la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali, la questione sta diventando materia per un processo costituzionale più che politica: l'invio delle truppe di terra come lo chiameremo operazione di polizia?