BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CAMERA/ Il ministro La Russa censurato per il “vaffa” a Fini durante il dibattito sul processo breve

Il ministro della Difesa Ignazio La Russa è stato censurato per aver mandato a quel paese il presidente della Camera Gianfranco Fini durante il dibattito sul processo breve.

Foto Ansa Foto Ansa

LA RUSSA CENSURATO - Il ministro della Difesa Ignazio La Russa è stato censurato per aver mandato a quel paese il presidente della Camera Gianfranco Fini durante il dibattito sul processo breve.

Non è andato giù alla Camera il  “vaffa” del ministro della Difesa Ignazio La Russa al numero uno di Montecitorio Gianfranco Fini, nel corso del dibattito, la settimana scorsa, sul processo breve. L’ufficio di presidenza della Camera ha così approvato la proposta dei questori di sanzionare La Russa con un lettera di censura. Il documento, per conoscenza, è stato inviato anche al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Il testo è stato votato dalla maggioranza dell'ufficio di presidenza.

Fini, dal canto suo, che nel merito della vicenda ha preferito non entrare, dal momento che è parte in causa, ha ringraziato l’organismo e il collegio dei questori per la «grande responsabilità». L’opposizione non è soddisfatta. Il presidente dei democratici e vicepresidente della Camera Rosy Bindi è convinto che il provvedimento non sia sufficiente. «Il ministro La Russa avrebbe dovuto avere, come membro della Camera, oltre che del governo, l'interdizione almeno dalla partecipazione al voto sul provvedimento. Siamo peraltro in assenza di scuse».  Secondo la Bindi, la censura «è una sanzione che è stata applicata per fatti molto meno gravi»