BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

150 ANNI MARINA MILITARE/ Napolitano va a pranzo con gli operai di Fincantieri

Giorgio Napolitano è giunto, questa mattina, attorno alle 11 al porto di La Spezia a bordo della nave Argo, in occasione dei 150 anni della nascita della Marina militare

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

Napolitano è giunto, questa mattina, attorno alle 11 al porto di La Spezia a bordo della nave Argo, in occasione dei 150 anni della nascita della Marina militare. E’ stato accolto da applausi a colpi a salve sparati dalla navi militari. Intanto dagli equipaggi della Cavour, della Duilio, della Grecale, della Sapri, della Vespucci dek sottomarino Scirè si sono levate grida di «per l’Italia, urrà». Il capo dello Stato, poi, ha passato in rassegna i militari che erano schierati sul molo Italia. Alla cerimonia erano presenti il capo di Stato maggiore della Difesa, Biagio Abrate, il capo di Stato maggiore della Marina, l’ammiraglio Bruno Branciforte, e il ministro della Difesa, Ignazio La Russa. L’inquilino del Quirinale, quando, nel corso del suo discorso è stato fischiato da una piccola folla di contestatori, ha reagito dicendo: «Pensavo che fosse finita la campagna elettorale e perciò fosse finita anche la partigianeria politica. Ma forse molti non sanno che in Marina i fischi sono un onore rivolto all’ospite più importante». Il presidente, poi, ha incontrato una delegazione di operai della Fincantieri provenienti dagli stabilimenti di Sestri Ponente, Riva Trigoso e Muggiano, che gli hanno chiesto attenzione per il piano industriale che prevede 2.550 esuberi.