BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 1. Folli: e ora a Lega e Pdl tocca il "referendum" di Pontida

Pubblicazione:mercoledì 15 giugno 2011

Umberto Bossi a Pontida (Imagoeconomica) Umberto Bossi a Pontida (Imagoeconomica)


La Lega oggi è un partito nervoso, sulle spine. Sa di dover prendere delle scelte coraggiose, ma non ha ancora capito come uscire da questa difficile situazione. Mancano delle strade percorribili e così continua a cuocere a fuoco lento.
Per la prima volta è in crisi la sua “narrazione” e, di conseguenza, il rapporto con il proprio elettorato.

Qualcuno prova a individuare dietro le dichiarazioni di questi giorni due linee di pensiero e forse una vera e propria battaglia interna al Carroccio.

C’è sicuramente una dialettica interna molto forte, ma non credo che in questo momento a qualcuno convenga aprire una guerra di successione. Potrebbe essere un suicidio.
Certo, a Bossi spetta il difficilissimo compito di trovare una sintesi convincente. Per ora c’è solo indecisione: si passa dalla richiesta di portare i ministeri al Nord all’ingenua proposta di finanziare la riforma fiscale tagliando le missioni all’estero.
Per anni la Lega ha saputo indicare grandi obiettivi e prospettive di fondo. Paradossalmente oggi, mentre sta realizzando alcune delle sue storiche battaglie, anche se in parte, si trova davanti a una crisi di consenso, come si è visto anche in quest’ultima tornata referendaria.

Cosa intende dire?

Ai referendum la base della Lega ha espresso un voto contro il governo e ha voluto inviare un segnale forte ai vertici. Negli ultimi 15 anni, nella Lega, non si è mai verificata una cosa del genere. Questo fatto può certamente aprire scenari nuovi e imprevedibili.

In definitiva, si possono tentare delle previsioni per domenica?

Probabilmente tutto si risolverà in un ultimatum simbolico di Bossi a Berlusconi. Un’ipotesi che rimanderebbe la risoluzione di tutti i problemi a dopo l’estate.
Vie d’uscita immediate infatti non se ne vedono, anche se la Lega continuerà sicuramente a cercarle…

(Carlo Melato)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.