BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VERSO PONTIDA/ 1. Moncalvo (ex Padania): la Lega è in crisi, manca un'idea forte

Pubblicazione:venerdì 17 giugno 2011

Mario Borghezio (Imagoeconomica) Mario Borghezio (Imagoeconomica)

Da un lato la Lega è ancora più brava della Dc a lottizzare, ma sa anche nascondere le sue correnti. Dall’altro non fa un congresso da dieci anni e per questo ricorda il primo partito di Berlusconi, o il Pdl senza Fini.

Quali sono le correnti del Carroccio? 

La prima è quella dell’ormai famoso “cerchio magico” (Reguzzoni, Bricolo, Renzo Bossi e Rosy Mauro). Poi c’è quella dei “Roberto C” (Calderoli, Cota e Castelli), quella di Maroni e infine quella dei Giovani Padani, guidata da Matteo Salvini. Quest’ultima è il contrario della prima: pochi posti di potere e sudati a colpi di attacchinaggi, volantini e gazebo. 

Ma, tornando alla giornata di Pontida, lei non si aspetta decisioni vere?

L’unica cosa che secondo me Bossi dovrebbe annunciare domenica è il ritiro della delegazione dal governo e l’appoggio esterno. È il momento di lasciare le poltrone e abbandonare il “papocchio” degli Scilipoti. Non può più bastare il piatto di minestra che viene offerto ad Arcore. Tutto questo però non accadrà.

Per quale motivo?

Bossi ha ancora il fiuto politico di un tempo, ma sul più bello interviene sempre il “cerchio magico” a spingerlo soltanto verso la conservazione del potere. Il Senatur probabilmente oggi finirà di preparare il suo discorso, che vorrà rileggere anche domani e domenica mattina, dal suo solito albergo. Quando però finirà nelle mani dei colonnelli proveranno a far scomparire i passaggi più importanti e, soprattutto, tutti gli elogi a Tremonti.  

E su questo che si consuma la battaglia? L’asse Bossi-Tremonti non si è incrinato?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >

COMMENTI
17/06/2011 - UN VATICINIO TROPPO FACILE (spadon gino)

"Vedrete, sul pratone di Pontida andrà in scena il solito teatrino. La trama è scritta e ben collaudata: Borghezio in mezzo alla folla a scaldare gli animi e sul palco la nomenclatura leghista a dire le sue bugie». Quadro perfetto quello tracciato sa Moncalvo.