BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Di Pietro si "allea" con Berlusconi e sfiducia Bersani

MASSIMO FRANCO analizza questa due giorni di lavori parlamentari a pochi giorni dagli ultimatum leghisti di Pontida. Dalle fiducia alla "svolta" di Di Pietro, come cambia il quadro politico?

Di Pietro e Berlusconi in un colloquio inedito alla Camera (Foto da video) Di Pietro e Berlusconi in un colloquio inedito alla Camera (Foto da video)

Forse non passerà alla storia, ma l’immagine sfocata di Antonio Di Pietro e Silvio Berlusconi seduti tra i banchi della Camera a discutere amichevolmente è di per sé una notizia. «Il segno che i tempi stanno cambiando - dice Massimo Franco a IlSussidiario.net -. Solo un mese fa sarebbe stato impensabile».

Un fatto su cui riflettere soprattutto perché ieri, alla ripresa dei lavori, il leader dell’Idv non ha attaccato il premier, ma un’opposizione a suo dire ancora incapace di proporre un’alternativa credibile al Paese. Cosa sta accadendo secondo lei?

Il dato politico più importante di questa due giorni è l’incapacità dell’opposizione di consolidarsi. È emblematico il fatto che l’Idv non abbia applaudito il discorso del segretario del Pd e che Bersani e Di Pietro in pratica non si parlino. Di conseguenza il Presidente del Consiglio, seppur galleggiando con affanno, non sembra aver nulla da temere, almeno dalle file dell’opposizione.

Ma Di Pietro sta costruendo il suo nuovo profilo moderato?

Il leader dell’Idv ha capito che la fine del berlusconismo coincide con quella dell’antiberlusconismo. In termini elettorali sa benissimo che quella di Napoli è stata una vittoria di De Magistris e non del suo partito e sente che l’esigenza di accordarsi  con lui nel centrosinistra non è più considerata strategica come qualche tempo fa. Per tutti questi motivi è alla ricerca di una nuova identità, anche se il suo sarà un percorso faticoso.

Quella tra Vendola, Bersani e Di Pietro è una rivalità destinata a crescere?  

I problemi di Berlusconi hanno finito per mettere in agitazione il centrosinistra. Il quadro è in evoluzione anche in questo schieramento, con esiti del tutto imprevedibili.

Qual è invece il bilancio per il governo?