BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 1. Violante (Pd): il destino di Berlusconi passa dal Senato federale

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Silvio Berlusconi (Foto: ANSA)  Silvio Berlusconi (Foto: ANSA)

 

Di certo non servirebbe a ridurre i costi della politica, anche se questa è una sciocchezza che si legge spesso. Ha senso invece perché sta cambiando   la natura del parlamento. Vede, quello di oggi non è più un Parlamento legislatore, tant’è che il 50% della normativa esistente proviene da sedi extranazionali e del restante 50% più della metà proviene invece dalle regioni. In sostanza, quindi, il Parlamento legifera per il 22% circa della normativa esistente, senza contare che una quota sempre più crescente è di provenienza governativa. 
Non stiamo più parlando, quindi, del Parlamento dell’‘800 e del ‘900. Il Parlamento del 21 secolo o sarà una sede di controllo del governo oppure si ridurrà ad una “classe discutidora”.  Per sopravvivere la Camera dev’essere più qualificata.  

La riduzione del numero dei parlamentari di per sé porta ad avere questo risultato?

Non è automatico, ma è probabile.
Ora che il quadro è più chiaro, comunque, possiamo dire che, data la complessità di questa riforma, in meno di un anno non si può raggiungere questo obiettivo. 

Inevitabile a questo punto chiederle qual è la sua previsione sulla tenuta del governo.

Nessuno ha la sfera di cristallo e comunque dipende da ciò che dicevamo all’inizio. La maggioranza ha i suoi problemi e, dato che in materia di sconfitte siamo abbastanza esperti, posso dire al centrodestra che in questi casi ci vuole molto tempo per rimettere i buoi davanti al carro.

Alla Camera il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro, ha strigliato il Pd, invitandolo ad accelerare i tempi della costruzione di un’alternativa, che, a suo dire, ancora non c’è. Lei cosa risponde?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
25/06/2011 - RIFORME E CENTROSINISTRA IMPROPONIBILE (GAETANO GRIMALDI)

Considero i punti sulle riforme molto condivisibili soprattutto in merito alla legge elettorlali ma alquanto non condivisibile affatto l'idea di costruire una allenza del centro sinistra che ha già fallito più volte e chi non può, quindi, essere candidata al governo del Paese. Ancora più discutibile nascondersi dietro alla motivazione dell'unità politica di tutto l'area del centro sinistra solo per vincere l'elezioni.....