BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TREMONTI/ A un passo dalle dimissioni?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Ansa  Foto Ansa

TREMONTI A UN PASSO DALLE DIMISSIONI? Tremonti si dimette? Il vertice di maggioranza si terrà a Palazzo Grazioli all’ora di pranzo e, alla vigilia della discussione sulla manovra finanziaria (che approderà giovedì in Cmd) è la domanda che si fanno tutti. E’ bene ricordare che il ministro dell’Economia è solito a sortite del genere, e minaccia le dimissioni quasi ad ogni manovra finanziaria. Questa volta, tuttavia, ci sono degli elementi che rendono l’ipotesi verosimile. Anzitutto, il ministro è inviso alla stragrande maggioranza dei suoi colleghi ministri in ragione dei tagli effettuati ai vari dicasteri in ordine alla necessità  di non dissestare ulteriormente il bilancio dello Stato e rispettare gli impegni con l’Europa. Ma che Tremonti non sia ben visto dai maggiorenti del governo di cui fa parte, compreso il premier, è questione antica. Inedita, invece, la posizione della Lega nei suoi confronti. Il testo delle bozze della manovra, contestuale alla riforma del sistema tributario, dovrebbe prevedere  tre aliquote Irpef (20, 30 e 40%), Iva più cara di un punto, e l’Irap abolita dal 2014. Ma soprattutto, tagli ai Comuni senza compensazioni. E’ il punto di fronte al quale la Lega non può fare marcia indietro, né retrocedere di un millimetro dalla proprie posizioni. Ecco perché, se il titolare dell’Economia dovesse minacciare di dimettersi, il Carroccio potrebbe non stare dalla sua parte e, per la prima volta, essere ben disposto ad accettare la decisione. La questione è stata messa a tema nel corso del vertice di Via Bellerio di ieri, mentre la Padania si chiede, in prima pagina, se oggi non sia il giorno della verità. L’ultimo elemento, infine: pare che, riferisce Tommaso  Labate dalle colonne de Il Riformista, Berlusconi avrebbe un asso nella manica da giocarsi al momento opportuno. Tremonti sa bene di rappresentare, agli occhi dell’Europa, il garante della tenuta dei conti. La minaccia delle dimissioni, quindi, rappresenta un arma di ricatto per ottenere ciò che vuole. 


  PAG. SUCC. >