BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BERLUSCONI/ Sì alla primarie nel Pdl. La telefonata a Mattino 5

Dopo l’introduzione di Angelino Alfano come segretario politico Berlusconi si sarebbe detto pronto ad un’altra piccola rivoluzione. Le primarie per eleggere il leader del Pdl.

Foto Ansa Foto Ansa

Pare che la disfatta alle elezioni abbia provocato in seno al centrodestra una riflessione non solo di facciata ma reale. E che, specialmente, Berlusconi, senza l’avvallo del quale all’interno del partito non si muove una foglia, si sia deciso a portare quei decisivi cambiamenti nei confronti dei quali è sempre stato assolutamente restio. Dopo l’introduzione di Angelino Alfano come segretario politico – figura tipicamente legata ai tradizionali partiti – Berlusconi si sarebbe detto pronto ad un’altra piccola rivoluzione. Le primarie. Il premier ha detto di non essere contrario «purché si arrivi a essere certi» che chi vota è realmente un sostenitore del Pdl e non «infiltrati di sinistra». Intervenendo alla trasmissione Mattino 5 il capo del governo si è detto, quindi , convinto della necessità di istituire «una sorta di registro dei nostri sostenitori». Il Cavaliere, poi, ha rifiutato la definizione di «Pdl balcanizzato», considerandola «invenzione dei giornali. Al nostro interno – ha aggiunto - c'è grandissima coesione. C'è un degrado dell'informazione che si è trasformata in vera disinformazione, sempre contro di noi». Rispetto alle amministrative, ha riconosciuto la sconfitta, commentando: «Abbiamo subìto un gol, ma in questa legislatura abbiamo vinto tutto e continuiamo a condurre per 4-1». Parlando del titolare dell’Economia e delle accuse mossegli contro da più parti (gli si rinfacciano, in genere, i tagli, il commissariamento del governo e l’insufficienza delle misure per la crescita), ha detto: «Gli italiani dovrebbero fare un monumento a Tremonti e a tutto il governo perché stiamo uscendo dalla crisi senza aver adottato le misure di altri Paesi, come l'abbassamento degli stipendi pubblici e senza mettere le mani nelle tasche degli italiani». I referendum, infine, sul quale il Pdl «ha dato assoluta libertà di scelta ai nostri elettori».