BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ Follini (Pd): con lo schema Pisapia-De Magistris non si va lontano

Il senatore del Pd MARCO FOLLINI torna sulla vittoria del centrosinistra alle elezioni amministrative, invitando i suoi alla prudenza. La strada per costruire un'alternativa seria è lunga

Piazza Duomo in festa per Pisapia (Ansa)Piazza Duomo in festa per Pisapia (Ansa)

«Il risultato dei ballottaggi ha parlato a nostro favore, ma non è un alloro su cui ci si possa cullare troppo a lungo». Il senatore del Pd Marco Follini, intervistato da IlSussidiario.net, torna sulla vittoria del centrosinistra alle elezioni amministrative, invitando i suoi alla prudenza. «Capisco l’entusiasmo, lo faccio mio, ma invito anche a guardare avanti perché le elezioni politiche sono un’altra partita, piena di insidie e difficoltà che faremo bene a non trascurare».

La netta affermazione di candidati espressione di Vendola e Di Pietro e il modesto risultato del Terzo Polo rischiano di cambiare volto al centrosinistra?

Nonostante le vittorie di Milano e Napoli non dobbiamo chiuderci nella gabbia di un modello, ma ragionare sulla mutazione del Paese. Il dato più significativo è infatti il netto calo di fiducia nelle “arti magiche” del Cavaliere e della sua maggioranza. A questo punto il nostro obiettivo dovrà essere quello di offrire un approdo sicuro a chi ha cambiato opinione. Per farlo è giusto mantenere lo spirito di protesta di questi anni, senza però offrire all’Italia del 2011 un tripudio di bandiere rosse e di magliette di Che Guevara.
Riguardo al Terzo Polo, invece, non analizzerei i risultati con il bilancino del farmacista.

Cosa intende dire?

È presto per emettere verdetti. C’è una parte significativa di elettorato che nel 2008 stava con Berlusconi e che oggi ha scelto il Terzo Polo, l’astensione o addirittura il centrosinistra. Un dato molto interessante. D’altronde, le tessere del mosaico che gli elettori ci hanno consegnato sono tantissime e impediscono letture eccessivamente semplificatorie.

E quali altri insegnamenti ha tratto da questi risultati?