BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SENATO/ Alberto Tedesco, no al suo arresto: 127 sì contro 151 no. Rissa in aula

Il Senato ha deliberato con il voto il no all'arresto dell'esponente Pd Alfosno tedesco. Hanno votato no in 151 contro 127 sì. Momenti di tensione e scontro fra i senatori

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

SENATO ALBERTO TEDESCO - Mentre la Camera votava sì all'arresto di Alfonso Papa, il Senato diceva di no a quello di Alberto Tedesco, senatore del Pd. Lo stesso Tedesco aveva chiesto ai suoi compagni di partito di votare sì alla procedura di arresto, ma alla fine i no sono stati 151 contro 127 sì. Undici gli astenuti. Anche in Senato si è votato a scrutinio segreto. Il senatore del Pd è indagato dalla Procura di Bari in una inchiesta sulla sanità pugliese. E mentre Papa abbondava la Camera dei deputati nel più assoluto silenzio delle parti (fatta eccezione qualche lacrima di esponenti della maggioranza e qualche commento tipo "E' uno schifo, vergogna") al Senato è scoppiata una rissa dopo la lettura del risultato del voto. Il senatore del Pdl Domenico Gramazio e quello del Pd Paolo Giaretta si sarebbero spintonati a vicenda uscendo dall'aula, Gramazio gli avrebbe anche urlato: "Vergogna, 24 dei vostri hanno votato contro l'arresto". A proposito di Papa, Fabrizio Cicchitto ha rilasciato un commento a caldo: "Il parlamento ha scritto una delle pagine più brutte della sua storia. La responsabilità che Pd e Udc si sono caricati è pesantissima. Si tratta di un voto liberticida. Valutazioni politiche più approfondite le faremo nei prossimi giorni".