BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ALFONSO PAPA/ Berlusconi: "L'arresto è colpa di Maroni"

L'ira di Berlusconi dopo la votazione alla Camera che ha permesso l'arresto di Alfonso Papa. Per il capo del governo, Maroni e la Lega hanno tradito e si prepara la resa dei conti

Resa dei conti fra Pdl e Lega, foto Ansa Resa dei conti fra Pdl e Lega, foto Ansa

ALFONSO PAPA L'ARRESTO - Berlusconi sbatte i pugni sul tavolo e lascia l'Aula di Montecitorio. E' la scena che si è vista ieri immediatamente dopo il risultato delle votazioni che hanno consentito l'arresto del deputato Pdl Alfonso Papa. Per il capo del governo, il rischio di tornare al 1992, quando le inchieste su tangentopoli portarono un alto numero di esponenti politici dietro le sbarre. Ma non solo. Per Berlusconi pesa quello che lui ha chiamato "tradimento di Maroni" e della Lega in generale. Le avvisaglie già c'erano, più volte nei giorni scorsi Umberto Bossi aveva detto che avrebbe votato sì alla richiesta di arrestare il deputato, ma Berlusconi sperava in una frase senza effetto pratico. Subito dopo il risultato del voto, il premier si è ritirato a consulto con il segretario del Pdl, Alfano. Per Berlusconi, la maggioranza si trova davanti alla resa dei conti: "È partito l'attacco finale e Maroni si prepara a tradire. Anzi ha già tradito. Ne parlerò venerdì con Bossi in Consiglio dei ministri e mi dovrà dare delle spiegazioni". Poi ha aggiunto: "Nemmeno durante Tangentopoli la Camera era arrivata ad autorizzare l'arresto di un suo membro. È un precedente pazzesco". C'è chi, nel Pdl suggerisce di chiedere al ministro degli interni le dimissioni.