BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GUARDASIGILLI/ Nitto Palma è il nuovo ministro della Giustizia. La Scheda

Napolitano dà ilvia libera alla nomina di Nitto Palma a ministro della Giustizia. Sostituirà Alfano, nominato segretario del Pdl. Anna Maria Bernini prende il posto reso vacante da Ronchi.  

Nitto Palma - Foto Ansa Nitto Palma - Foto Ansa

Napolitano ha dato il via libera alla nomina di Nitto Palma a ministro della Giustizia. Sostituirà Angelino Alfano, nominato segretario del Pdl. Nato il 3 marzo del 1950 è stato sostituto procuratore della Repubblica di Roma nonché della Direzione nazionale antimafia e ha preso parte ad alcuni dei processi storici del Paese (Caso Gladio, assassinio di  Moro, piano Solo). Ex magistrato, la sua carriera politica inizia nel 2001 con l’adesione a Forza Italia. Candidato nel collegio uninominale di Oderzo, (Veneto II), viene eletto tra le fila della Casa della Libertà. Oltre ad esser nominato presidente della Commissione Giurisdizionale per il Personale alla Camera, fa parte della Commissione Affari Costituzionali e di quella sulla criminalità organizzata. In questo periodo si fa promotore di un’iniziativa parlamentare atta a reintrodurre una sorta di immunità, con la sospensione dei processi, per onorevoli e senatori, fino alla scadenza del loro mandato. Si trattava di un emendamento che fu, in seguito, ritirato. Viene eletto nuovamente nel 2006, ma in Lombardia e al Senato. Diventa vicepresidente della Commissione Affari Costituzionali. Nel 2008 è capolista in Calabria, e varca nuovamente la soglia di Palazzo Madama. Prima di esser nominato Guardasigilli ha ricoperto l’incarico di sottosegretario al ministero dell’Interno con delega al Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile.