BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MISSIONI ALL'ESTERO/ Il Senato vota sì al decreto di rifinanziamento

Il Senato ha approvato il decreto per il rifinanziamento delle missioni militari italiane all'estero. Voto bipartisan mentre l'Idv vota no e chiede una exit strategy

Foto Ansa Foto Ansa

Il Senato ha detto sì al decreto che programma il rifinanziamento delle missioni militari italiane all'estero, inclusa quella in Afghanistan dove proprio negli ultimi giorni è stato ucciso un altro soldato italiano. La Lega, che da tempo insiste criticamente su queste missioni e specialmente quella in Afghanistan, aveva comunque promesso di votare sì e così è stato. Qualche dubbio e qualche spaccatura all'interno del Pd, ma poi tutto è rientrato. Anna Finocchiaro, presidente dei senatori Pd, ha commentato: "Sul decreto di rifinanziamento delle missioni internazionali abbiamo avuto una parziale garanzia sulle risorse per la cooperazione. Mi pare che ci sia stata una prova di responsabilità, anche se il testo non è esattamente quello che volevamo, ma la cooperazione internazionale è stata parzialmente risparmiata e quindi voteremo a favore". Il decreto ha visto  l'aggiustamento con l'approvazione di alcuni emendamenti: 16,5 milioni di euro alla missione in Afghanistan e 10 milioni di sostegno alla provincia di Trapani dopo la chiusura dell'aeroporto di Florio che viene usato dai velivoli militari della Nato per le loro missioni in Libia. L'emendamento sui 16,5 milioni di euro è stato chiesto dal Pd come garanzia per il proprio assenso. Otto milioni sono finanziati subito mentre i restanti 8,5 verranno trovati nella prossima finanziaria. L'Italia dei valori ha invece votato no. Il partito di Di Pietro ha chiesto ufficialmente una "exit strategy" dall'Afghanistan.