BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISI/ Tremonti: ecco le nostre misure. Bossi: discorso fumoso

Pubblicazione:

Tremonti e Bossi (Imagoeconomica)  Tremonti e Bossi (Imagoeconomica)

Nuova giornata intensa per la politica italiana, all'insegna degli incontri e dei vertici per elaborare le migliori misure anti-crisi. Ieri il nuovo incontro con le parti sociali. La Borsa intanto anche oggi tiene tutti con il fiato sospeso.
Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha interrotto le sue vacanze e ha lasciato Stromboli in elicottero. Alle 17.30 sarà al Quirinale, dove riceverà il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, il sottosegretario Gianni Letta e il ministro Giulio Tremonti.
Anche i presidenti di Camera e Senato sono rientrati a Roma. Alla Camera era infatti prevista da tempo l'audizione di Tremonti.
Davanti alle commissioni congiunte Affari costituzionali e Bilancio della Camera e del Senato Tremonti ha parlato della necessità di ristrutturare la manovra. Per farlo, a suo avviso, servirà un "disarmo plurilaterale" e uno "spirito costituente". «L'articolo 81 nostra Costituzione non costituisce un caso di successo». Il vincolo di bilancio in costituzione, ha proseguito il ministro segnerebbe la "fine di un'epoca": «non puoi spendere più di quello che prendi soprattutto se con riluttanza prendono i tuoi titoli».
Sulle rendite finanziarie Tremonti ha poi dichiarato che: «la scelta è stata definita con un allineamento delle aliquote».
La riforma del mercato del lavoro e una facilità maggiore nei licenziamenti è stata chiesta dalla Banca Centrale Europea, ha spiegato il ministro, senza rivelare però il contenuto della famosa lettera della banca stessa, sulla quale da giorni è nata una polemica (il testo è "strettamente confidenziale e la diffonde chi la manda"). Sul tavolo poi gli altri temi caldi, le pensioni, la lotta all'evasione, liberalizzazioni e privatizzazioni. 


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
11/08/2011 - Crescita...o riduzione in povertà? (Mariano Belli)

Qualcuno mi sa spiegare cosa c'entra con la crescita la libertà di licenziare selvaggiamente padri e madri di famiglia? Perchè di questo si tratta, non certo di licenziare giovani assunti da poco (anche perchè precari...). Io penso che tutto ciò non c'entri nulla con la crescita, nè economica...nè tantomeno della civiltà umana....