BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ La tempesta perfetta, Berlino e il "macinino" Italia

Berlusconi tra Merkel e Sarkozy Berlusconi tra Merkel e Sarkozy


Eppure la nostra politica non sembra accorgersene. Non consideriamo che un'erosione della congiuntura mondiale e un ennesimo tracollo delle borse potrebbero vanificare per la seconda volta (dopo quella di luglio) i sacrifici della manovra correttiva, tanto più se giochiamo pericolosamente a svuotarla.

Non consideriamo poi che la tenuta del nuovo governo europeo dell’economia, faticosamente abbozzato al vertice Merkel-Sarkozy per frenare il contagio e salvare l’euro, si misurerà proprio sulla capacità di spingere l’Italia verso lidi virtuosi. Insomma il mondo ci guarda e ci misura, ma noi impassibili restiamo attaccati ai riti e alle liturgie peggiori del teatrino nazionale.

© Riproduzione Riservata.