BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NAPOLITANO/ 1. Letta (Pd): da Rimini il primo passo per rifare il Paese

Enrico Letta (Foto Imagoeconomica) Enrico Letta (Foto Imagoeconomica)

Non parlo di un governo tecnico, ma politico, che comprenda le grandi forze politiche presenti in Parlamento. Un governo di “coesione nazionale”, senza vinti, né vincitori, che abbia lo spirito della ripartenza per l’Italia.


Questo implica un passo indietro di Berlusconi e un’iniziativa del Presidente della Repubblica?

Sono certamente indispensabili il passo indietro del premier e il passo in avanti delle forze responsabili del Parlamento. Solo così potremmo avere un governo in grado di completare la legislatura e fare in 20 mesi la riforma dell’economia, delle istituzioni e del fisco, dimezzando il numero dei parlamentari. Con uno spirito di coesione nazionale, ognuno potrebbe fare la propria parte, costruendo un nuovo sistema politico che avrà necessariamente nuovi equilibri.


Nell’attesa che questo si realizzi intendete comunque partecipare al miglioramento della manovra?

Certamente, il Pd ha già fatto le sue proposte. Se, come ha promesso, il governo non metterà la fiducia, saremo pronti a discutere e a cambiare la manovra punto su punto. Le cose che non vanno sono molte, come dicono tutti i giorni autorevoli esponenti della maggioranza. Se ci ascolteranno, li aiuteremo a raddrizzare una manovra approssimata e sbrigativa. Come dicevo, però, con le toppe non si va lontano…

 

(Carlo Melato)

© Riproduzione Riservata.