BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANTICIPAZIONE/ Vietti (Csm): la riforma della giustizia? Vale più di mille tagli...

Pubblicazione:mercoledì 24 agosto 2011 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 24 agosto 2011, 11.18

Il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, con il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano (Imagoeconomica) Il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, con il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano (Imagoeconomica)


Il magistrato è un “mestiere” molto particolare. Non è un professionista qualunque, ma è chiamato a dare torto o ragione. Di fronte a ogni sua decisione ci sarà sempre qualcuno che avrà da lagnarsene.
Se ognuno avesse a disposizione un’azione diretta di responsabilità nei confronti del magistrato, finiremmo con l’affiancarne ad ogni grado di giudizio un altro per azione di responsabilità e magari un terzo per il ritardo del processo.
Non credo che triplicare i gradi sia molto rispondente all’obiettivo di accelerare la durata dei processi in Italia.

(Carlo Melato)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.