BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL PALAZZO/ Polito: dalle procure "scenari allarmanti" per il governo

Pubblicazione:

Silvio Berlusconi (Imagoeconomica)  Silvio Berlusconi (Imagoeconomica)


In questo caso parlerei di “deriva dei continenti”, una sorta cioè di processo geologico lento e inevitabile. Diciamo che fin dal risultato delle amministrative e del referendum, il Pd sembra inesorabilmente spinto, anche indipendentemente dalla propria volontà, verso un’alleanza a sinistra, senza troppe complicazioni. Un cartello (Pd, Sel, Idv) che può in pratica ricalcare il consenso del Pci dei tempi migliori.
Dall’altra parte, del resto, si registra un processo simile.

Cosa intende dire?

Il disfacimento del Pdl in correnti e sottocorrenti spinge Casini e il Terzo Polo a rivolgersi principalmente all’elettorato berlusconiano e ad acuire le distanze con la sinistra.
Una deriva che ha un ulteriore effetto negativo sull’ipotesi del governo di emergenza perché rende più improbabile l’alleanza di “tutti con il Pdl”, l’unico schema possibile per una soluzione di questo tipo. Un Pd ancorato a sinistra infatti non potrebbe reggere a questa ipotesi.

Anche la discussione sulla nuova legge elettorale può incidere sugli scenari futuri?

Certamente. Il pressing in corso dentro il Pd dei veltroniani e dei prodiani in favore del referendum pro Mattarellum ha l’obiettivo evidente di chiudere ogni spazio di dialogo con l’Udc. È un atto di ostilità verso il Terzo Polo che non può accettare il ritorno di un bipolarismo rigido.
È su questo tema, e sulla questione morale, che gli avversari di Bersani si preparano a dare battaglia.

(Carlo Melato)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.