BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Monti e Napolitano "ostaggi" del dopo-Berlusconi

Pubblicazione:sabato 14 gennaio 2012

Mario Monti (Imagoeconomica) Mario Monti (Imagoeconomica)

Credo che valga per le grandi organizzazio che raccolgono il consenso. Non vedo da parte sindacale una grande accortezza e una grande progettualità. Vedo che si parla dell'articolo 18. Ancora. E non si parla di come offrire garanzie concrete ai giovani in cerca di lavoro, un salario di liquidazione a chi perde il lavoro. Ma soprattutto non c'è un progetto per il futuro. In questo senso, devo ammettere, lo faccio con fatica, che i tedeschi ci sono da esempio,. Occorerebbe guardare alla loro cogestione, che una volta in Italia sembrava una “bestemmia”. Beh, è propria quella che, in momenti come questi, garantisce nelle aziende una coesione, un programma sostenibile di produzione e una garanzia nei momenti di recessione. Lo aveva ammesso, al termine della sua vita, pure un sindacalistra come Bruno Trentin, che non era certo di stampo riformista. Possibile che tutto questo a noi, ai nostri sindacati non passi nemmeno per la testa? No, noi continuaimo a difendere le bandiere del nostro orto.

Eppure qualcosa si muove. Ad esempio nel centrodestra, caso Cosentinoa parte, la Lega sembra prendere le distanze dal Pdl. Non le pare?

Ho sempre creduto poco all'asse del Nord, ai movimenti autonomistici e ad altre cose. Nel vuoto politico di questi anni, ci sono stati due personaggi, che poi alla fine sono legati da molte cose, non esclusa una amicizia reale per alcuni motivi, che hanno tenuto banco nel centrodestra. Nel momento in cui Berlusconi molla, il Pdl svanisce. Ma anche nel momento in cui molla Bossi la Lega svanisce.

E a sinistra?

Tutto tranne che progettualità e persino qualche cosa di sinistra, socialdemocratica, sulla base degli autori del pensiero socialdemocratico che avevano previsto questa finanziarizzazione e la crisi conseguente. Quelli che arrivavano a dire che una società con il 7 per cento di disoccupati rischia di perdere il suo carattere democratico.

Non la convincono neppure le liberalizzazioni?

Se le applicano solo ad alcune categorie, non escludo problemi di carattere sociale duro. C'è chi dice che le faranno scaglionate, altri che le faranno tutte insieme. Non sarà semplice questo passaggio e non credo che sarà neppure indolore, dato gli interesi che ci sono in gioco.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.