BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BIPOLARISMO/ Caldarola: Lupi ha ragione, Casini vuole scardinare il sistema

Pier Ferdinando Casini, Foto Infophoto Pier Ferdinando Casini, Foto Infophoto

Dirò una cosa che potrà sembrare assurda a molti: il bipolarismo non dipende dalla legge elettorale. Dipende dagli orientamenti dell'opinione pubblica, ricordiamoci che il bipolarismo di fatto esisteva già ai tempi della Prima Repubblica, si sceglieva di stare con la sinistra cioè il Partito comunista o con la Democrazia Cristiana.

Qual è la sua idea comunque sulla nuova legge elettorale?

La legge elettorale più utile è quella che segue il tema della responsabilità dell'elettore nella scelta del suo rappresentante. La correzione inderogabile è dunque quella dell'attuale designazione dei partiti.
Una legge elettorale fondata su collegi più piccoli quindi potrebbe essere in grado di raccordare il parlamentare alla sua base elettorale ed essere migliore. Personalmente preferisco il sistema elettorale tedesco.

In conclusione?

Vorrei che che ci abituassimo a considerare la legge elettorale come non decisiva ai fini del bipolarismo perché persino in un sistema completamente proporzionale lo schema di gioco che ormai si è introdotto nella vita politica italiana prevede che gli elettori stiano o da una parte o dall'altra.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
19/01/2012 - Bipolarismo /Caldarola (Paolo Cantoni)

Lupi ha proprio ragione, concordo con Caldarola, ho una certa età e spero proprio di non rivedere i disastri della prima republica e delle politiche degli aghi della bilancia, politiche dei due forni ecc ecc, degli inciuci es terzo polo, Fini, Casini e chi altro?

 
18/01/2012 - Casini non scardina un bel nulla (Giuseppe Crippa)

Non capisco perché Caldarola si auguri che questo bipolarismo, che lui stesso definisce muscolare, poco occidentale e teso alla soppressione dell'avversario, debba sopravvivere a sé stesso. Il bipolarismo, non dimentichiamolo, è semplicemente una possibile soluzione al problema della governabilità. Questa soluzione è stata sperimentata in questi ultimi decenni, ed il suo fallimento è sotto gli occhi di tutti. Si avvicina il momento di sperimentare altre soluzioni, e Casini, insieme ai milioni di italiani evocati nei sondaggi di Lupi, non scardina un bel nulla, semplicemente “vive il presente”. La prima politica è vivere, o no?