BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SONDAGGI/ Mannheimer: alla Lega e Formigoni conviene non votare. Piepoli: no, il Carroccio sta crescendo

Roberto Maroni (InfoPhoto) Roberto Maroni (InfoPhoto)

“Trovo la proposta del Governatore corretta da un punto di vista giuridico - spiega Mannheimer -, d'altra parte se si votasse in primavera si andrebbe alle urne una volta sola accorpando elezioni politiche e regionali e ci sarebbe un notevole risparmio per le tasche. Se, però, parliamo di sondaggi, sia al Carroccio che al Popolo della Libertà converrebbe procrastinare il voto il più possibile: entrambi hanno percentuali di preferenza bassissime”.

A proposito di Lega, invece, Piepoli ha dei dati che considera già definitivi: è in atto una tendenza netta al rialzo. Questo - spiega - ovviamente rispetto al crollo che la Lega ha subito al momento della crisi di Umberto Bossi. Anche la Lega ha un indicatore che dice di una perdita di un terzo del proprio elettorato, dunque dal 10% che aveva toccato in Lombardia siamo adesso al 7, ma è una crescita rispetto al 5% toccato solo pochi mesi fa. E tutto sembra indicare che la Lega sia destinata a recuperare e dunque a crescere ancora.

© Riproduzione Riservata.