BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LOMBARDIA/ D’Esposito (Fatto Quotidiano): Berlusconi usa la Lega per “chiudere” il Pdl

Foto Infophoto Foto Infophoto

E’ un cammino ancora lungo, anche se l’alternativa sarebbe stata Albertini. Se alla fine si dovesse giungere davvero alle primarie, il centrodestra smentirebbe l’uscita di Berlusconi di due settimane fa, quando aveva dichiarato di essere pronto a compiere un passo indietro per favorire l’aggregazione dei moderati. E certamente la Lega non rientra tra i partiti moderati.

 

Nel centrodestra, la Lega può diventare l’analogo di Sel che ha Milano ha vinto con Pisapia?

 

La Lega è sempre stata la parte più estremista del centrodestra, ma Maroni è percepito del resto come un leghista più borghese e di governo, che potrebbe dunque gestire la Regione. Non credo che la sua elezione per il centrodestra lombardo sarebbe una rivoluzione, lo stesso Formigoni del resto ha governato con la Lega divisa tra maroniani e anti-maroniani.

 

A livello nazionale Berlusconi creerà una sua lista?

 

Berlusconi aspetta il risultato delle elezioni regionali in Sicilia, dopo di che il Pdl si dividerà in più tronconi: gli ex An, gli “azzurri” che vogliono recuperare lo spirito del ’94, l’oligarchia del Pdl e i montiani. Berlusconi cavalcherà una di queste liste, probabilmente quella più vicina all’ex Forza Italia, e sono quasi certo che non si ricandiderà a premier. In queste ore si parla di riunioni di parlamentari del Pdl, come la Biancofiore e la Di Girolamo, che si stanno organizzando per ricostituire una lista a sostegno di Berlusconi, anche se alla fine l’ultima parola spetterà al Cavaliere. La sua disaffezione verso il Pdl è arrivata del resto a livelli molto forti, non sopporta più la vista di alcuni personaggi che appartengono alla classe dirigente di questo partito.

 

L’accordo con la Lega esclude quello con l’Udc?

 

Dopo le dichiarazioni di Berlusconi su una possibile aggregazione dei moderati, non c’è stato alcun segnale e lo stesso Casini ha scelto la linea del silenzio. I moderati da sempre sostengono il distacco dalle estreme dei rispettivi schieramenti. Da un lato ci sono Sel e Di Pietro, dall’altra la Lega Nord. L’accordo tra Carroccio e Pdl non è certo un buon auspicio per un’aggregazione dei moderati. Se così fosse, con un accordo politico in Lombardia che includa la Lega, non si potrà tornare a un centrodestra formato ’94-96 che comprenda uno spettro che va da Casini a Bossi.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.