BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RISULTATO ELEZIONI SICILIA 2012/ Rondolino: le "scuse" di Alfano non reggono

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

RISULTATI ELEZIONI SICILIA 2012. Il giorno dopo il risultato del voto in Sicilia, come sempre nessuno ammette la sconfitta. Parlando in conferenza stampa nel tardo pomeriggio di ieri, il segretario del Pdl Alfano ha parlato di un centro destra che se avesse corso unito (il riferimento era ai due candidati, quello sostenuto direttamente dal Pdl Musumeci, e Micciché) avrebbe potuto vincere. Ma che anche così, il Pdl è finito poco lontano dal centro sinistra. Sono scuse che Fabrizio Rondolino contattato da Ilsussidiario.net trova piuttosto scarse "Anche il centro sinistra ha corso diviso" dice "e se anche Musumeci e Miccichè avessero corso insieme, quella di Alfano come consolazione mi sembra un po' magra". Questo perché, spiega Rondolino, "non si tiene conto del risultato dirompente di Beppe Grillo. Così come straordinario in senso negativo è che più della metà degli elettori non sono andati a votare".

 

Alfano dice che il centro destra diviso ha fatto vincere la sinistra. E' d'accordo con questa analisi del voto?

In realtà anche la sinistra era divisa con Sel e Idv per conto loro. Quello di Alfano mi sembra un argomento un po' debole. Poi non so, sommando Crocetta e Sel da una parte e Micciché e Musumeci dall'altra chi vince? Il centro destra arrivava al 40% e il centro sinistra al 36? Può darsi. Però se è questa la consolazione di Alfano secondo me è una ben magra consolazione.

 

Perché?

Il dato dirompente della Sicilia è il voto di Grillo. Uno potrebbe dire ci aspettavamo di più del 18% ma per un partito che partiva da zero come è stato quello di Grillo in un panorama notoriamente complicato come quello siciliano dove il voto di scambio e quello di interesse è molto forte avere il 18% è tantissimo. Così come è un dato straordinario è che più della metà degli elettori non è andata a votare. La divisione del centro destra mi sembra un dettaglio. 

 

A proposito di Grillo qualcuno ha fatto delle proiezioni dicendo che il 18% in Sicilia significa il 25% a livello nazionale.

Non so bene come sia stato fatto questo conto di sicuro il voto siciliano è più clientelare di quello, faccio per dire, per il parlamento europeo. Alle elezioni politiche il voto di opinione come è quello che viene dato a Grillo, è avvantaggiato rispetto alle elezioni amministrative dove invece contano elementi localistici, però molto dipende da cosa fanno gli altri. Il voto di Grillo è tutto un voto di risulta.

 

Cioè?



  PAG. SUCC. >