BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LEGGE ELETTORALE/ Vassallo (Pd): la bozza Calderoli è da buttare, premia chi perde

InfoPhoto InfoPhoto

Potrebbe capitare che venga eletto il primo candidato di una lista che ha preso meno voti e che, invece, non passi il primo di una lista che, nello stesso collegio plurinomiale, ha ottenuto più voti.

 

Non ci sarebbe, quindi, alcun valore aggiunto dal ritorno ai collegi?

 

L'unico valore aggiunto è che, anziché avere liste lunghissime che non permettono agli elettori di orientarsi, avremmo delle liste più snelle e chiare. Ma, siccome, il meccanismo sembra richiamare un sistema abolito dai cittadini quasi vent'anni fa, gli elettori rischiano di essere un po' truffati. L'altro grosso limite è che questo sistema è perfettamente proporzionale, quanto quello della prima Repubblica, solo con alcune piccole correzioni: il primo è la soglia di sbarramento che, personalmente, ritengo troppo artificiale perché preferirei che fosse prodotta dalla dimensione della circoscrizione. A mio parere, sembra una clausola ideata appositamente per salvaguardare il partito di Calderoli.

 

Si spieghi meglio.

 

Anche se il partito non ottiene il 5% dei voti a livello nazionale, può passare comunque se ha preso il 6% in un quinto del territorio italiano. Questa a me sembra una sorta di “norma salva-Lega”. Infine, il problema principale è che la legge sembra creata ad hoc per non consentire la formazione di una maggioranza politicamente coesa, omogenea ed autosufficiente perché con i numeri attuali, anche se i partiti fossero più consistenti rispetto ai numeri resi noti nelle ultime settimane, il premio assegnato alla prima coalizione non scatterà mai. In più, il “premietto” conferito al primo partito sarebbe del tutto irrilevante. A me sembra una proposta irricevibile sotto tutti i punti di vista.

 

Quindi, optando per i collegi, sarà il partito a scegliere il candidato non i cittadini?

 

Ancora peggio. Il problema vero è che le liste sono bloccate e se aggiungessimo le preferenze il sistema sarebbe ancora più paradossale.

 

Perché, dunque, non tornare alle preferenze secche?