BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAOS IDV/ Donadi: vi spiego perché ho abbandonato Di Pietro

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Non tanto da Di Pietro, quanto dal modello di stampo padronale del partito; un modello che, nella politica italiana, fatto eccezione per il Pd, è quello più tipico. Per 20 anni, infatti, partiti come il Pdl, l’Udc, e la Lega, ciò che maggiormente ha contato è stato assecondare in tutto e per tutto il leader. In tali circostante, quando qualcuno prova a dissentire, scattano le reazioni della “corte”, come in questi giorni, in cui io e Formisano siamo stati definiti «traditori», «scorie», «escrementi».

In cosa consiste il nuovo progetto politico a cui vuol dar vita con Formisano?

Tra ieri e oggi, appena il tempo di annunciare la mia uscita dal partito, sono stato contattato da circa 300 dirigenti e amministratori dell’Idv che intendono aderire. L’ipotesi è quella di creare un soggetto politico autonomo, che non sia collaterale a nessuno, ma saldamente ancorato nel centrosinistra. Non ci sfugge che l’impresa sia ardua e i mezzi pochi. Ma siamo convinti della bontà dell’idea, dato che oggi come non mai il centrosinistra ha bisogno di essere arricchito.  

Da cosa?

Da un partito che contribuisca con valori quali una concezione non giustizialista della giustizia, l’etica pubblica, la trasparenza, la lotta ai conflitti di interessi, il rispetto delle regole. Tutti i contenuti tipici della sinistra liberale, in grado di liberare le energie del Paese e di premiare il merito. Se il dialogo con il Pd sarà proficuo, siamo convinti di poter dar vita ad un processo di federazione. E di intercettare alcune esperienze presenti nel centrosinistra che non hanno ancora trovato piena rappresentanza politica, quali il civismo o le associazioni come Libertà e Giustizia.

 

(Paolo Nessi)

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
10/11/2012 - che ingenui che siamo (Alessandro d'Alessandro)

Delle due l'una: o Donadi e gli altri trecento hanno avuto per anni i prosciutti sugli occhi, oppure hanno sempre saputo che l'IDV aveva le fondamenta di sabbia, cioè fosse un partito a base padronale. Quindi l'abbandono in massa deriva soltanto dalla constatazione che quelle fondamenta stanno cedendo. Quindi, ancora, se il partito affonda vuol dire che l'unica sua sostamza era il nome Di Pietro. Altrimenti, eliminata una mela marcia, si va avanti. E allora: perché questa gente ha albergato in un partito a consistenza zero? A ciascuno di noi la risposta