BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

LEGGE ELETTORALE/ Vassallo (Pd): vi svelo chi "trama" per la grande coalizione

InfophotoInfophoto

Questo sarebbe il risultato che si otterrebbe se si mantenesse il porcellum. Il Pd ha sempre ipotizzato, invece, l’introduzione di un premio di proporzioni predeterminate che renda impossibile ad un partito del 30-35% ottenere la maggioranza.

Dicono che il Pd punti a mantenere il Porcellum, correggendolo con una soglia per ottenere il premio di maggioranza estremamente alta, e introducendo un premietto irrisorio. Senza fare alcuna riforma, quindi  godrebbe di fatto dei benefici che gli conferirebbe il sistema proporzionale. E’ verosimile?

Guardi, non sono un indovino. Tuttavia, considerando la natura della discussione, è possibile. Sarebbe, tuttavia, una sciagura per il Paese. Ci ritroveremmo, in un contesto economico complicatissimo, con un Parlamento estremamente frammentato, ove l’unica soluzione praticabile risulterebbe, a quel punto, la costituzione di una maggiorana estremamente eterogenea.

Cosa ne pensa del terzo Lodo Calderoli (nessuna soglia; nessun premio fino al 30%; premietto del 22,5% dei propri seggi per chi prende tra il 30 e il 35%; del 27,5% per chi prende tra il 35 e il 40%; del 35% per chi prende più del 40%)?

Tutti i sistemi elettorali inventati da geometri che credono di poter costruire un vestito ritagliato sui risultati elettorali presunti sulla base dei sondaggi sono sistematicamente causa di paradossi e distorsioni. Si tratta di espedienti che non andrebbero neppure presi in considerazione. Confido che ci si renderà conto del fatto che misure di questo genere sono insostenibili e inefficienti dal punto di vista parlamentare, e che si proceda verso un punto di mediazione che potrebbe essere rappresentato da un sistema proporzionale corretto, in grado di evitare la frammentazione tra i partiti e di promuovere la creazione di maggioranze omogenee.

 

(Paolo Nessi)

 

© Riproduzione Riservata.