BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIETRO LE QUINTE/ Mazzotta: da Todi un partito di centro (per Monti) alleato col Pd

Pubblicazione:venerdì 9 novembre 2012

Roberto Mazzotta - Infophoto Roberto Mazzotta - Infophoto

Considerando la crisi del centrodestra, l’antipolitica di Grillo e l’isolamento della Lega, è inutile fare raffinati ragionamenti sull’affinità elettorale; si tratta di mettere assieme quelle forze che garantiscano una tenuta minima del sistema. Non vi è alternativa all’aggregazione delle forze di centro-sinistra. Con tutte le difficoltà che questo comporta.

Quali?

Il centro fatica a ricomporsi perché, negli ultimi 20 anni è stato scomposto a bombardato quasi fosse un nemico pubblico, mentre il Pd soffre la condanna di non avere più come suo baricentro i problemi sociali, ma i temi etici. Il che, laddove procede a braccetto con forze quali Sel, crea imbarazzanti situazioni.

Quindi?

L’Udc dovrà tenere fede all’impegno di Chianciano e concorrere alla formazione di un soggetto politico di centro nuovo che non si limiti all’allargamento dell’Udc. Gli altri soggetti coinvolti, d'altro canto, non accetterebbero. Inoltre, la società civile e il raggruppamento sociale che hanno prodotto Todi devono fare uno sforzo ulteriore, e comprendere come quest’area liberal-cristiana debba prendere corpo. Non per rifare la Dc, ma qualcosa di più. C’è un mondo forte, autorevole, stimato e dotato di peso effettivo nella società italiana che ha il compito di costituire un nucleo socio-politico-civile in grado di aggreggare l'area cattolico-laica.

“Nucleo”, “area”, “mondo”, “aggregazione”:  ma un partito vero e proprio dovrà prender forma o no?

Ma certo! Questa aggregazione di forze dovrà produrre uno schema di lista elettorale. E, prima o poi, dovrà ben darsi la forma di un partito. Altrimenti, sia ben chiaro, non si va da nessuna parte. Del resto, in tutti i Paesi civili si fanno i partiti. Solamente in Italia si pensa che siano soggetti impresentabili, e se ne travestono i nomi. Chiamandoli come fiori, piante o dicendo che si tratta di liste civiche. Il partito non c’è ancora ma è auspicabile che la scadenza elettorale ne acceleri i processi di formazione.

Tale area potrebbe diventare maggioranza?

Guardi, io le previsioni sono abituato a farle il giorno dopo le elezioni.

Montezemolo e Oscar Giannino dovrebbero far parte della partita?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >