BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DALLA GERMANIA/ Posselt (Csu): l’Italia ha bisogno di una Grosse Koalition

Per BERND POSSELT, la Grosse Koalition ha consentito alla Germania di ottenere successi altrimenti impensabili. Il governo delle larghe intese ha fornito garanzie per il sistema bancario

Angela Merkel (InfoPhoto) Angela Merkel (InfoPhoto)

“La Gross Koalition che dal 2005 al 2009 ha visto alleati i due partiti rivali CDU e SPD ha consentito alla Germania di ottenere successi altrimenti impensabili. Nei primi anni della crisi, il governo delle larghe intese con Angela Merkel nel ruolo di Cancelliere e il suo attuale sfidante, Peer Steinbruck, come ministro delle Finanze, si è reso conto che aveva il preciso dovere di fornire garanzie per il sistema bancario tedesco”. Ad affermarlo è Bernd Posselt, eurodeputato bavarese della CSU, secondo cui “tuttora quando si tratta di prendere decisioni necessarie ma impopolari in Germania si torna alla Grosse Koalition con proposte di legge bipartisan”. E aggiunge Posselt: “Monti può fare ancora molto per il bene dell’Italia. La sua straordinaria esperienza internazionale e il fatto di non essere uno showman lo rendono ancora necessario per il Paese”.

Posselt, il nuovo governo italiano si troverà ad affrontare difficoltà enormi. Ritiene che una Grosse Koalition potrebbe aiutare il Belpaese a gestire al meglio la crisi?

La necessità è quella di avere un governo stabile con una maggioranza più ampia possibile. Io sono sempre a favore di una leadership cristiano-democratica, tanto in Germania quanto in Italia e in qualsiasi altro Paese. E’ un fatto estremamente importante, perché l’Europa in generale e l’Italia in particolare hanno bisogno di stabilità.

In Germania ci sono state due Grosse Koalition, nel 1966 e nel 2005. Come valuta quelle esperienze?

Nel 1966 la Gross Koalition è rimasta in carica per un periodo molto breve. Nel 2005 la coalizione del primo governo Merkel è stata al potere per quattro anni, quindi per un’intera legislatura, e ha ottenuto dei grandi successi. Si è trovata ad affrontare i primi anni della crisi, quando il sistema bancario si trovava in profonda difficoltà. La Merkel e l’allora ministro delle Finanze, Peer Steinbruck, attuale sfidante del Cancelliere per il Partito Social-Democratico, dichiararono che era loro preciso dovere fornire garanzie per il sistema bancario tedesco. Ciò ha assicurato al Paese una straordinaria stabilità negli anni della crisi, ed è stata quindi di grande aiuto.

Quindi si è deciso di ritornare al bipolarismo …