BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Ostellino: Berlusconi bleffa, non vuole candidare Monti

Pubblicazione:domenica 16 dicembre 2012

Silvio Berlusconi (InfoPhoto) Silvio Berlusconi (InfoPhoto)

Non mi pare. Vedo un centro debole, che cerca di “catturare” Mario Monti per ottenere un valore aggiunto. Io ritengo che il centro valga molto poco in percentuale e che Monti non si candiderà affatto, resterà a guardare e poi aspetterà delle “chiamate”. Quindi i calcoli a questo punto sono molto semplici. Al governo andrà Bersani e il centrosinistra.

È questa la sua conclusione?

Sì, alla fine credo che non capiterà nulla di strano e dovrebbe arrivare Pier Luigi Bersani al governo. Il problema sarà  poi quello di vedere le condizioni per governare.

In che senso?

Beh, la situazione del Paese è sotto gli occhi di tutti, anche se i giornali fanno di tutto per non arrivare al punto vero. Si dice che Monti abbia ridato credibilità internazionale all’Italia, ma francamente non riesco a comprendere che cosa voglia dire. A mio avviso questo Paese sembra prostrato. Abbiamo una catena di aziende che chiudono, c’è il crollo dei consumi, non ci sono soldi in giro, abbiamo le tasse più alte del mondo, gli indicatori economici ci condannano a una crisi molto lunga. Non è semplice governare in queste condizioni.

Ci sarà un aumento dell’astensionismo, l’affermazione del movimento di Beppe Grillo.

È probabilissimo, anche questo è da mettere nel conto. Una incerta, incertissima situazione politica, una problematica situazione sociale e gli indicatori economici che sono tutti da vedere. Quello che però mi sembra più grave è la passività di fronte alle ingerenze esterne. Ma che cosa avrebbero fatto in Francia se fosse arrivato dalla Germania un suggerimento per il loro presidente del Consiglio o per il loro Presidente della Repubblica? Da noi si accetta tutto, come se niente fosse. Incredibile e inaudito.

(Gianluigi Da Rold)

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.