BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPILLO/ Così il "grillino" Berlusconi spiana la strada a Monti

Pubblicazione:

Silvio Berlusconi con Roberto Calderoli (InfoPhoto)  Silvio Berlusconi con Roberto Calderoli (InfoPhoto)

Dopo la discesa in campo di Berlusconi il panorama politico è diventato drammaticamente più chiaro. Non si tratta più di scegliere, come in un Paese normale, tra destra e sinistra, ma l’alternativa si è fatta più radicale. Siamo chiamati a scegliere tra: populismo Vs politica; fuori dall’Europa Vs dentro l’Europa; sfruttare l’immediato senza preoccuparsi del futuro Vs costruire oggi le premesse per un domani migliore.

Potremmo continuare a lungo, perché la spaccatura è profonda e da un lato vi sono i millantatori, coloro che contano di vendere illusioni nella convinzione che tanto non saranno chiamati a pagare, gente che continua a promettere vantaggi alla propria cerchia. Dall’altra vi stanno quanti sono convinti che una vera libertà possa essere fondata solo sulla verità, sul sacrificio, sull’impegno e sul merito.

Oggi questa è la vera scelta che ci sta di fronte. Il governo Monti ha avviato un’opera di chiarificazione, di duro e faticoso risanamento, ha ingaggiato una lotta contro l’evasione fiscale, ha combattuto per spiegare in Europa come si può fare sviluppo e perché alla Germania conviene impostare politiche meno restrittive. Contro la casta non è riuscito a fare quasi nulla perché sono scattati meccanismi di difesa che hanno visto alleati politici, burocrati e lobby di ogni genere, tutte prontissime a difendere quanto acquisito. Oggi siamo in mezzo al guado e tocca agli italiani scegliere per il loro futuro.

Io spero che gli uomini di buona volontà sappiano trovare le ragioni profonde di ciò che unisce e riescano a trovare la forza per continuare un processo virtuoso grazie al quale la situazione potrebbe, seppur lentamente, iniziare a migliorare. Purtroppo le componenti egoistiche, pronte a difendere i privilegi e il breve periodo, sono molto diffuse, grazie anche a processi che hanno finito per corrompere la moralità del popolo, introducendo miti pericolosi e irrealizzabili.

Berlusconi ha avuto una grande responsabilità nel tradimento degli ideali per i quali aveva dichiarato di scendere in campo, ha introdotto ideali di successo facile e immediato possibili grazie a conoscenze ed entrature e ora sta provando a fare leva sugli interessi più corporativi pur di conservare qualche potere e visibilità.



  PAG. SUCC. >