BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ILVA TARANTO/ Beppe Grillo: il decreto del governo? Mussolini aveva più pudore

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Secondo Grillo, quindi, “è il caso di prendere atto che non solo sta finendo la Seconda Repubblica, ma lo stesso Stato italiano sta scomparendo sotto i nostri occhi, sotto il tappeto. Siamo nazione, ma non più Stato”. Questo perché “lo Stato ha delle regole, delle divisioni chiare dei suoi poteri. Uno Stato è una comunità in cui ognuno ha diritti e doveri, chiunque è uguale di fronte alla legge, nessuno è lasciato indietro. L'Italia non è nulla di questo. Non ha sovranità territoriale dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ha perduto la sua sovranità monetaria, sta perdendo quella economica e quella popolare non l'ha mai avuta. Cosa le resta? I confini dalle Alpi a Lampedusa e una classe politica che rimanda ogni giorno il suo 8 settembre per non finire essa stessa sotto il tappeto”. E conclude, come sempre: “Ci vediamo in Parlamento. Sarà un piacere”.

© Riproduzione Riservata.