BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 2. Le condizioni di Napolitano per il Monti-bis

Pubblicazione:giovedì 20 dicembre 2012 - Ultimo aggiornamento:giovedì 20 dicembre 2012, 10.25

Giorgio Napolitano (Infophoto) Giorgio Napolitano (Infophoto)

Cogliere il senso delle dichiarazioni di Napolitano è utile per capire come potrebbe evolvere lo schema politico. Ricapitolando: lunedì, nel suo saluto alle alte cariche dello Stato, si era rammaricato per la conclusione precoce della legislatura e per le dimissioni di Monti. In seguito, Federico Geremicca, dalle colonne de La Stampa, aveva svelato il raffreddamento dei rapporti tra il premier e l’inquilino del Colle. Quest’ultimo, inviando una lettera al quotidiano, gli aveva replicato: «Tra me e il presidente del Consiglio non si è consumata alcuna frattura», precisando come le elezioni anticipate dipendessero dalla decisione del Pdl di sfiduciare, di fatto, il governo. Napolitano, infine, aveva ribadito che solo a lui spetterà il compito di conferire l’incarico al prossimo presidente del Consiglio. Escludendo che vi sia alcuna ipotesi precostituita e che per principio vada affidato al leader del primo partito. Ogni decisione «nascerà dalle consultazioni post elettorali». Abbiamo chiesto a Ugo Finetti come interpretarle parole del capo dello Stato.

Come vanno lette nel suo insieme?

Napolitano ha manifestato la sua contrarietà alla piega assunta dagli eventi. In particolare, perché si andrà a elezioni senza che i partiti siano riusciti a modificare la legge elettorale e senza varare provvedimenti significativi per tagliare i costi della politica. Con l’anticipo delle urne e l’eventuale discesa in campo di Monti, inoltre, si profila un’alterazione del disegno originale del capo dello Stato, a cui si deve il parto della strana maggioranza, l’alternativa alla quale era il ribaltone o il precipitare a elezioni anticipate. Un disegno che prevedeva, fino all’ultimo, un quadro di garanzia, da lui fortemente voluto.

Perché ci ha tenuto più volte a ribadire che sarà lui a conferire l’incarico al futuro premier?

Il suo carattere particolarmente pignolo lo ha spinto a fare alcune precisazioni volte a stabilire dei punti fermi dal punto di vista costituzionale. Tanto per cominciare, siamo pur sempre in una Repubblica parlamentare. Quindi, l’incarico va conferito a chi è in grado di disporre, alla Camera e al Senato, di una maggioranza.

Poniamo che Monti decida di candidarsi con il centro. E che, anche grazie a un certo smottamento nel Pdl, riesca a rendere impossibile al Pd la creazione di una maggioranza al Senato.


  PAG. SUCC. >