BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MANOVRE/ Adornato (Udc): vi spiego perché Monti, con noi, vince e torna premier

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Lo schema di gioco sta assumendo una forma sempre più definita. Nel corso della conferenza stampa di fine anno, Monti ha sciolto le riserve. In maniera piuttosto sibillina, a dire il vero. Ma le sue dichiarazioni sono quanto basta per obbligare a uscire allo scoperto le forze in campo, e a decidere con che fazione schierarsi. Montezemolo, Riccardi, Casini e Cesa si sono incontrati lunedì mattina. Al termine dell’incontro hanno espresso piena sintonia politica con il discorso e l'Agenda del premier. Abbiamo chiesto a Ferdinando Adornato, deputato dell’Udc e fondatore di Liberal come evolverà lo scenario.

Ora quali sono le prospettive per il centro?

Monti ha chiaramente affermato l’intenzione di essere guida di tutte quelle forze che sottoscriveranno la sua agenda («Alle forze che manifesteranno adesione convinta e credibile all' agenda Monti, sono pronto a dare il mio apprezzamento, incoraggiamento e, se richiesto, la guida» ndr). E’ evidente che, così come siamo stati i primi a invocare un governo di unità nazionale, il nostro appoggio alla sua agenda è sempre stato assolutamente forte e convinto. Siamo, del resto, in sintonia con un ampio arco di forze sociali e civili che in questi mesi hanno lavorato insieme a noi. 

Crede che nel Pd e nel Pdl ci saranno degli smottamenti?

Da mesi affermiamo che chi pensa che lo scontro sarà tra la destra e la sinistra si illude. Oggi occorre unire le forze della responsabilità e del riformismo contro quelle del populismo. Il Pdl ha scelto dichiaratamente di seguire una strada populista e antieuropea. Il Pd, invece, ha scelto una linea di responsabilità ma, contestualmente, è alleato con Vendola, in netta antitesi, quindi, con l’agenda Monti. Siamo, per questo, convinti che esista un grande spazio di aggregazione con il centro. Tra l’area moderata del Pdl – e persone come Frattini, Mauro, Cazzola, Pisanu e Mantovano hanno fatto capire che intendono rispondere all’appello di Monti -  e tra coloro che, nel Pd, non condividono l’alleanza con Vendola.

Le forze del centro come si aggregheranno?

Casini, Montezemolo e Riccardi, nell’incontro di lunedì mattina, hanno deciso che sarà Monti a stabilire la forma di aggregazione che preferisce.

Voi, cosa preferite?

Riteniamo solamente che al Senato, per via della legge elettorale, sarebbe meglio una lista unica.

Pensate di avere chance di vittoria?



  PAG. SUCC. >