BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Le illusioni dei partiti "preparano" il Monti-bis

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Mario Monti (InfoPhoto)  Mario Monti (InfoPhoto)

La confusione che regna nel panorama politico italiano ha radici profonde e non decifrabili senza lo spazio di una più lunga e articolata riflessione. In alternativa, si può provare a “spacchettare” l’insieme dei problemi e chiedersi, senza troppa enfasi, che cosa sia corretto aspettarci dalle urne, almeno come prospettiva istituzionale. 

Nonostante le manovre in atto (primarie, conferenze stampa, dichiarazioni di “entrata” o “uscita” dalla scena politica) chiaramente volte a dare messaggi all’elettorato circa il futuro capo del Governo come fattore che ne dovrebbe influenzare i comportamenti, una questione da tenere presente è che il 24 febbraio (forse) si andrà alle urne per eleggere i nostri rappresentanti in Parlamento. Punto e a capo. 

Benché la connessione tra la scelta dei parlamentari da parte del popolo e le scelte che verranno da costoro compiute quando si tratterà di formare il Governo possa essere considerata quasi naturale, mai come oggi i due momenti appaiono istituzionalmente lontani tra loro. Non sapendo quale sarà il responso delle urne – non in generale (come da sondaggi, quanto mai mutevoli e soggettivi) ma come composizione specifica e dettagliata di Camera e Senato - gli aspiranti premier (o presunti tali) navigano a vista, fanno dichiarazioni, rilasciano interviste, si dicono “disposti” a governare se richiesti, formulano ante litteram programmi politici mentre, in realtà, si trovano costretti a stare in surplace, rischiando così di cadere prima ancora del calcio di inizio, logorati dalle loro stesse aspettative. 

Manovre di questo genere sarebbero ragionevoli in presenza di due schieramenti che si fronteggiano sulla base di scelte politiche chiare e parzialmente differenziate tra loro, mentre lo sono molto meno in caso di multipartitismo e, per di più, di un multipartitismo altamente sfilacciato e dai confini incerti come quello nostrano.

Ma, allora, non sarebbe più ragionevole concentrarsi sul Parlamento e lasciare in secondo piano la scelta del premier? 

Se i partiti non lo fanno è perché, da un lato, è più semplice fare scegliere agli elettori una persona che un programma ma, dall’altro, è anche e soprattutto perché la Seconda Repubblica, forzando la mano del sistema elettorale, ha fatto sì che l’individuazione del premier avvenga prima delle elezioni e non dopo, come invece accadeva in passato. Abbiamo alle spalle vent’anni di cultura politica che ci forza a pensare in questo modo, avendo immesso nel sistema elettorale una torsione tutta interna allo stesso, che ne ha fatto da strumento di scelta dei parlamentari uno strumento quasi plebiscitario di scelta del premier. Non sta scritto da nessuna parte che debba essere così ma, se nei simboli dei partiti appare il nome del candidato premier, è su questo che si incentrano le discussioni e non su quanto i partiti propongono. Se questo nome compare, si ingenera nell’elettore l’aspettativa che il Capo dello Stato si rimetterà alla volontà popolare e non giochi alcun ruolo nel dare, finite le elezioni, l’incarico all’eletto dal popolo. 



  PAG. SUCC. >