BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIETRO LE QUINTE/ La vera congiura contro Berlusconi è di Maroni (e Alfano)

Roberto Maroni e Silvio Berlusconi (InfoPhoto) Roberto Maroni e Silvio Berlusconi (InfoPhoto)

Ne dubito, è persona determinata, anzi, determinatissima. Però c'è anche da tenere in conto una cosa: Albertini ha "quasi" rotto con il Pdl, e da un certo punto di vista potremmo definirlo il candidato "di Monti" in Lombardia; però…

Però?
Le rispondo con un tweet di Roberto Formigoni: "La Lega si conferma: nulla dà e tutto pretende. Viva Albertini Presidente!".

E come lo dobbiamo interpretare?
Formigoni non ha mai visto di buon occhio il fatto di lasciare alla Lega il Pirellone, non è un mistero. E ora questo diventa uno strumento di pressione notevole, sia verso la Lega che all'interno del Pdl. Il rompicapo è notevolmente complesso, con tutte queste variabili in gioco la partita è estremamente aperta.

 

(Vittorio Crippa)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
31/12/2012 - Lao Tsè e le previsioni (Carlo Cerofolini)

Ogni giorno ha il suo affanno e quindi inutile fare previsioni, anche perché, come affermava Lao Tsè: "Chi sa non predice e chi predice non sa" e poi è bene ricordare che in democrazia sono i voti dei cittadini che fanno la differenza e decidono da chi essere governati, anche se in Italia non sempre questo vale, come il governo Monti insegna.