BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PRIMARIE 2012/ Ignazi: ecco con quali voti Bersani ha battuto Renzi

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Non sottovaluto certo il malcontento nei confronti di Berlusconi e del Pdl da parte di chi lo aveva votato, ma è tutta gente che si asterrà, scegliendo di rimanere alla finestra. Semmai qualcuno voterà Grillo, anche se in pochi. La maggioranza dei delusi del centrodestra resterà ad attendere se ci sarà un’offerta che al loro cuore moderato possa andare bene. Per questi elettori, Renzi non era sufficientemente moderato.

 

Quali saranno le prossime mosse di Renzi?

 

Il suo compito ora è creare una corrente all’interno del Pd, come è naturale che sia in tutte le forze politiche. Ci sono componenti diverse, correnti diverse, e chi ha idee diverse si organizza per promuoverle all’interno del partito. Renzi ha dichiarato che continuerà a fare il sindaco di Firenze.

 

Ritiene invece che si candiderà alla segreteria del Pd?

 

A questa domanda non so rispondere, andiamo troppo in là.

 

Gli elettori cui al ballottaggio non è stato permesso di votare, nonostante si siano recati ai seggi, potrebbero trasformarsi in un boomerang per il Pd alle prossime politiche?

 

Si tratta di quattro gatti, i numeri di quanti volevano votare e non lo hanno fatto sono semplicemente ridicoli. E’ un fenomeno del tutto irrilevante, non bisogna fare delle bolle mediatiche di cose inesistenti e che si contano sulle dita di una mano. Guardiamo ai veri risultati, cioè ai 2 milioni e 700mila elettori che hanno votato. E’ un numero straordinario, soprattutto se lo paragoniamo con il resto dell’Europa. Il Partito Gollista in Francia due settimane fa è riuscito a portare ai suoi seggi soltanto 170mila persone. Rimaniamo quindi ai numeri e ai fatti.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.