BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Sapelli: Monti-Bonaparte ha fatto vincere Bersani (e la politica)

Pubblicazione:mercoledì 5 dicembre 2012

InfoPhoto InfoPhoto

Non a caso anche sul fronte opposto e magmatico del Pdl si assiste allo stesso processo e non a caso la più accesa sostenitrice della necessità delle primarie e dei fenomeni che loro sottostanno recentemente (queste ultime infatti nulla hanno a che vedere con quelle precedenti che erano fenomeni personalistici) è l’onorevole Meloni, la quale esprime una classica cultura di partito rank and file.

Si è chiuso un ciclo quindi e forse una delle cause che ha provocato questa chiusura sta anche nel regime bonapartista cui siamo sottoposti, con il Governo dei tecnici incompetenti. Ho sempre pensato infatti che il testo più interessante da leggere per capire l’oggi, oltre alla storia costituzionale romana, con la figura senatoriale del Dictator, sia Il 18 Brumaio di Luigi Bonaparte, del mai abbastanza compianto Karl Marx. Vivere in regime bonapartista, infatti, produce nel popolo, non nell’oligarchia plutocratica, o un’anomia crescente oppure una ribellione ascendente di bisogno di ritorno alla politica classica (rank and file, appunto), che Bersani ha saputo interpretare magnificamente. Lo capii quando, circa un anno fa, disse che se fosse stato candidato premier, per via dello statuto che si era dato il Partito democratico, non avrebbe voluto una lista con il suo nome.

In effetti, la politica come solidarietà e aggregazione umano-sociale produce anche effetti carismatici, non nel senso però plebiscitario ma invece relazionale-razionale. Questo mi sembra sia accaduto a Bersani che è cresciuto politicamente in modo straordinario in questo processo. Per questo c’è da augurarsi che anche il Pdl svolga le sue primarie e che trovi le energie di farlo con l’organizzazione e la militanza volontaria, superando ogni tecnicalità comunicativa massmediatica e oratoria.

Se ciò avverrà, non è detto che saremo in grado di liberarci definitivamente dal neobonapartismo, ma sicuramente lo saremo dall’irrazionale personalismo.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.