BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INCANDIDABILITA’/ Zanon: ci hanno imposto una legge "inutile"

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

L’operazione “liste pulite” è a buon punto. Il governo ha emanato il decreto ha emanato il decreto legislativo sull’incandidabilità dei condannati che, adesso, il Parlamento deve ratificare. In tempi «rapidissimi», ha promesso il ministro della Giustizia Severino. E, va da sé, prima delle elezioni. La norma, in particolare, prevede che non siano candidabili al Parlamenti italiano ed a quello europeo tutti coloro che abbiano riportato condanne definitive a pene superiori a due anni di reclusione per reati di particolare allarme sociale (come mafia, terrorismo o tratta di esseri umani) e per quelli contro la pubblica amministrazione (concussione, corruzione ecc…). Per tutti gli altri reati, la pena accessoria scatta in presenza di condanne superiori ai 4 anni. Lo stesso discorso vale per cariche non elettive: presidente del Consiglio, ministro, vice ministro, sottosegretario, commissario straordinario di Governo. Il commento di Nicolò Zanon, professore ordinario di Diritto costituzionale presso l’Università di Milano.

Era proprio necessario varare un provvedimento del genere in una fase politica e d economica così convulsa?

Si tratta di un provvedimento definibile urgente rispetto alla necessità di ricostruire il rapporto tra la politica e i cittadini, nel tentativo di arginare i fenomeni dell’antipolitica. Non dimentichiamo, d’altro canto, che il governo si è limitato ad adempiere a quanto contenuto in una legge delega del Parlamento, attraverso un decreto legislativo. Si tratta, ovviamente, di una norma da licenziare prima delle elezioni. In caso contrario, assisteremmo ad una beffa.

Non sarebbe stato meglio se la politica si fosse riformata da sola?

In un Paese normale, regole di comune diligenza obbligherebbero tutti i partiti a esigere un passo indietro a chi è coinvolto in vicende giudiziarie. Del resto, se è vero che in Italia esiste un sistema tale per cui l’azione penale nei confronti dei politici viene esercitata, non di rado, in maniera disinvolta, lo è anche il fatto che la politica non ha fatto nulla per evitarlo: i fenomeni di corruzione della classe dirigente, anche a livello locale, sono frequentissimi. Insomma: laddove la politica è forte ed autorevole, contiene gli anticorpi al degrado in se stessa.

Cosa intende?


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
08/12/2012 - commento (francesco taddei)

ci sono più di cento politici indagati o sotto processo, solo tre non potranno ricandidarsi. sempre che la legge passi.